you're reading...
Esperienze d'innovazione

Storie d’innovazione: la cooperativa Eiteam


EITEAM è una cooperativa di tipo B che si pone l’obiettivo di accogliere, educare e rendere autonomi ragazzi adolescenti e giovani con problematiche di disagio relazionale, cognitivo, familiare e più genericamente sociale. I concetti chiave che la descrivono sono: squadra, professionalità e attenzione alla relazione con i colleghi e i clienti.

Abbiamo intervistato Tiziana Schiavon per farci raccontare il suo punto di vista sull’innovazione applicata al sociale, caratteristica che ha contraddistinto la cooperativa sin dalla sua nascita: “A differenza di molte cooperative, che nascono a partire dalle esigenze di un territorio, Eiteam si costituisce nel 2005 a partire dalla professionalità di un gruppo che unisce capacità educative e competenze informatiche”.

Inoltre Eiteam, tra gli altri servizi, si occupa di anche di archiviazione documentale, tema trattato in questo blog da Luciano Barrilà che propone una riflessione su e-reader ed e-book per l’impresa sociale, per conservarne la memoria storica.

Per un’organizzazione che lavora a stretto contatto con la tecnologia e con il sociale, cosa significa innovazione?

Abbiamo pensato all’innovazione come a un discorso di tecnologia, di informatica e di processi che può essere messo al servizio di altri. L’innovazione passa anche dagli strumenti attraverso cui è possibile attivare nuovi servizi o reinventarne modalità più efficienti di erogazione. Ad esempio, attraverso attività di archiviazione documentale, trasformiamo tutto ciò che è carta in un documento digitale. È una sfida poiché la personalizzazione, la programmazione viene svolta da professionisti in collaborazione con altri soggetti che, in situazioni di disagio e senza particolari qualifiche, stanno apprendendo e sviluppando un metodo per lavorare sulla trasformazione dei documenti”.

Quale rapporto avete con il mondo cooperativo?

“La cooperazione di tipo B nasce come produzione-lavoro: la si associa allo sfalcio del verde, alla questione smaltimento rifiuti, logistica, trasporti, pulizie… Si fatica a capire che un processo produttivo, anche di pulizia, organizzato e processato a livello informatico può dare un ritorno di qualità. Come vedo il mondo cooperativo? Lento nell’affrontare il cambiamento…

Noi stringiamo partnership per lo più con realtà non cooperative, che però hanno mostrato un valore etico più elevato rispetto all’ambiente con cui dovremmo dialogare. Collaboriamo cercando nuove forme di sviluppo a livello software, programmazione. Tuttavia, per me la possibilità di collaborazione con cooperative è positiva, benché faticosa, perché a volte ci vuole tempo per trovare il partner giusto”.

Noi lavoriamo di più con il mercato privato e il dialogo con le cooperative verte di più sulle modalità d’inserimento lavorativo o gare d’appalto.

Se doveste fare un salo innovativo, cosa scegliereste?

“Vorremmo farci conoscere sul territorio e puntare su collaborazione e partnership. Siamo piccoli e il passaparola è lo strumento per farti conoscere o presentarti in modo diverso agli altri. Ci sembra importante creare politiche di contratti di rete, modalità di condivisione, come in un certo senso vuole fare il blog Fai un salto. Dare queste info e condividere, dare la possibilità di conoscersi e interessarsi. L’obiettivo di questo salto è allargare il livello di conoscenze”. 

Annunci

Informazioni su Anna Omodei

Socia di Pares, società cooperativa di formazione, ricerca, consulenza e documentazione. Supporta le persone e le organizzazioni sui temi della conciliazione famiglia-lavoro (tempi di vita), sul benessere organizzativo e sulla qualità del lavoro. Lavora per facilitare gli avvicendamenti e le transizioni che investono le organizzazioni a livelli apicali e intermedi. Dal 2012 collabora con il Dipartimento di Sociologia dell’Università degli Studi di Milano Bicocca nel supporto alla didattica del corso di psicologia sociale e nella realizzazione di ricerche sul campo sui temi della salute e dei servizi socio-sanitari.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: